Un ponte verso l’export

IL PONTE ROSARIO-VICTORIA IN ARGENTINA PROMUOVE IL COMMERCIO ALL’INTERNO DEL MERCOSUR

C’è voluto molto tempo ma alla fine gli agricoltori dei campi di grano argentini hanno avuto il loro ponte.
Con il taglio del nastro alla cerimonia inaugurale, il Rosario-Victoria, che si estende maestosamente sopra il fiume Paranà, è stato aperto al traffico nel 2003.

Sebbene ci siano voluti solo cinque anni per costruirlo, il ponte si è fatto attendere per decadi. Le città di Rosario e di Victoria nel Nord Est dell’Argentina hanno a lungo sognato un’infrastruttura del genere per superare quello che consideravano un ostacolo al loro sviluppo. Situate sui lati opposti del Paranà le due città sono a soli 60 chilometri di distanza, ma macchine e camion erano obbligati a un percorso di 120 chilometri verso Nord utilizzando un tunnel che passava sotto al fiume, e con un costo notevole in termini di tempo e di denaro. Il ponte, naturalmente, ha cambiato ogni cosa.

«I residenti di Santa Fe e di Entre Rìos (le due province dove sorgono le due città) – ha scritto il quotidiano “La Nación” in un articolo pubblicato al momento dell’inaugurazione – hanno sognato un’infinità di volte la possibilità di attraversare il Paranà in poco tempo. Bene, quel giorno è arrivato». 
Con il pagamento di una tariffa di accesso al ponte formato da due carreggiate su entrambi i sensi di marcia, gli automobilisti possono adesso raggiungere una delle due città in meno di un’ora. Costruito ad un costo superiore a 300 milioni di dollari, il ponte è il risultato degli sforzi compiuti dall’Argentina per accrescere gli scambi commerciali con i vicini Brasile, Cile, Uruguay, tutti membri del blocco commerciale del Mercosur.

 

Rosario Victoria
 

In qualità di terzo maggior esportatore al mondo di soia, l’Argentina ha tutto da guadagnare dalla costruzione di un ponte a Rosario perché la città è il principale hub per la produzione di grano con una serie di porti e di impianti di frantumazione. Il ponte ha permesso a Rosario di diventare il principale centro di trasporto e distribuzione facilitando la creazione di un corridoio stradale tra il Cile e la costa pacifica e tre altri paesi sull’Atlantico. Ha inoltre aumentato i flussi turistici di Victoria e migliorato i collegamenti tra le province del Nord Est come Entre Rìos (di cui la città è la capitale), Corrientes e Misiones, con il resto del paese.  

Costruito da un consorzio internazionale guidato da Impregilo, una delle aziende che ha dato vita a Salini Impregilo, il ponte Rosario-Victoria sorvola una valle con isole e paludi attraverso le quali corre il fiume. È costituito da un ponte principale, un viadotto su entrambi i lati e 12 ponti minori. Il ponte principale è lungo 608 metri con una campata di 350 metri e due campate laterali di 129 metri ciascuna.
Il viadotto est garantisce l’accesso al ponte sul lato di Victoria, e corre per 2,4 chilometri. Il viadotto ovest, sul lato di Rosario, è invece lungo circa la metà, 1,1 chilometri. I 12 ponti minori sono stati costruiti su una serie di isole, per un totale di 8,2 chilometri. La lunghezza complessiva del progetto è di 60 chilometri. Ogni anno, il ponte diventa il palcoscenico di una maratona, che attira migliaia di partecipanti impegnati ad attraversare il ponte per due volte.

IL PONTE ROSARIO-VICTORIA ATTRAVERSA IL FIUME PARANÀ PER UNIRE DUE PROVINCE NEL NORD EST DELL’ARGENTINA

COMPLETATO NEL 2003, È COMPOSTO DA UN PONTE PRINCIPALE, DUE VIADOTTI E UNA SERIE DI PONTI MINORI

IL PONTE RIDUCE IN MODO SIGNIFICATIVO I TEMPI DI VIAGGIO E I COSTI TRA LE DUE CITTÀ ROSARIO E VICTORIA

L’OPERA È IL RISULTATO DEGLI SFORZI DELL’ARGENTINA PER ALIMENTARE IL COMMERCIO ALL’INTERNO DEL BLOCCO DEL MERCOSUR

OGNI ANNO IL PONTE DIVENTA IL PALCOSCENICO PER UNA MARATONA

Leggi gli altri articoli dello speciale