Tutti i ponti progettati dall'Inge-
gnere Riccardo Morandi

Una rassegna delle opere realizzate in Italia e all’estero

Il crollo del Ponte di Genova, avvenuto il 14 agosto del 2018, ha suscitato grande interesse nei riguardi delle opere firmate dal suo storico progettista: l’Ingegnere Riccardo Morandi.

Riccardo Morandi, oltre a concepire grandi opere infrastrutturali, nel corso della sua carriera fu dedito ad approfondire lo studio del calcestruzzo armato precompresso. Nel queste ricerche gli consentirono di otten1948 ere il brevetto sul sistema di precompressione, denominato Morandi M5.

Nell’immediato dopoguerra, ai tempi della ricostruzione del Paese - per una serie di caratteristiche che garantivano un vantaggio economico - questo materiale fu considerato strategico nella realizzazione di grandi opere infrastrutturali. Morandi ne fu estimatore, sponsorizzando il rapporto funzionalista “forma-funzione” che mirava ad ottenere il miglior risultato possibile, combinando nuove soluzioni tecniche con nuove strutture spaziali.
Inoltre, la tecnica della precompressione consentiva di lavorare su sezioni ridotte rispetto a quelle in cemento armato non precompresso, sottolineando la silhouette dell’opera.

Scopriamo dunque quali sono e dove si trovano, sia in Italia che nel resto del mondo, i ponti progettati da Riccardo Morandi.

I ponti di Morandi in Italia

Numerose sono le opere infrastrutturali concepite dall’ingegnere italiano, che trovano realizzazione tra gli anni ’60 e gli anni ’80. I ponti di Morandi in Italia sono stati costruiti in Calabria, Sicilia, Lazio, Toscana, Basilicata, Campania, Abruzzo, Puglia e Piemonte.

Ponte Amerigo Vespucci, Firenze

Si tratta di un ponte a sbalzo, realizzato tra il 1955 e il 1957. Porta il nome di Amerigo Vespucci perché in quel periodo ricorrevano i 500 anni dalla sua nascita. Il progetto lo si deve agli architetti Giorgio Giuseppe Gori, Enzo Gori e Ernesto Nelli che, insieme all'ingegnere Riccardo Morandi, concepirono un'opera non invasiva, in grado di fondersi con il contesto. Il ponte è largo 22,50 metri, alto 9,50 con tre campate, ciascuna di 54,30 metri di luce.

Viadotto Bisantis, Catanzaro

Questo ponte ad arco è stato costruito tra il 1959 e il 1962, e offre un passaggio sia per i pedoni che per gli automezzi. Si caratterizza per la sua struttura ad arcata unica - senza i piloni centrali di sostegno - realizzata in calcestruzzo armato. Il ponte è lungo 468,25 metri, largo 12,5 metri e alto 112 metri.

Ponte di Vagli Sotto, Lucca

Una passerella pedonale lunga 122 metri: è questo il ponte di Vagli Sotto, in Garfagnana, progettato da Morandi nel 1953. La struttura è composta da un arco a tre cerniere fiancheggiato da due telai a stampella. Il ponte attraversa il bacino artificiale nel quale confluiscono il torrente Lussia e l'Edron, affluenti del fiume Serchio, collegando Vagli di Sotto con il territorio della sponda opposta. L’altezza luce è di 70 metri, la larghezza dell'impalcato - realizzato in calcestruzzo armato precompresso - è di 3,50.

Viadotto Carpineto, Vietri di Potenza

Il viadotto progettato da Morandi e realizzato nel 1977 percorre il tratto autostradale “Sicignano-Potenza” a Vietri di Potenza. É costituito da due ponti strallati paralleli per le due carreggiate, e i suoi piloni sono in acciaio e cemento armato precompresso. Il viadotto è stato interessato dai necessari interventi di manutenzione, come per esempio i lavori di ripristino del calcestruzzo.

Ponte di San Niccolò, Firenze

A Riccardo Morandi si deve il progetto di ricostruzione del secondo ponte di Firenze. Il San Nicolò fu costruito nel 1836 ma venne distrutto dai tedeschi in ritirata. Subito dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale fu ricostruito sul progetto dell’ingegnere italiano che concepì una struttura ad arco in calcestruzzo armato.

Viadotto Akragas, Agrigento

Più conosciuto con il nome di “viadotto Morandi” il ponte Akragas si trova ad Agrigento e fu costruito nel 1970. Lungo 1.402 metri nella prima parte e 868 metri nella seconda, il viadotto è al momento chiuso al traffico per lavori di manutenzione e messa in sicurezza che dovrebbero terminare nel 2021.

Ponte Costanzo – Ragusa

Si tratta del ponte più alto della Sicilia: il ponte Costanzo, che collega Ragusa a Modica. È stato anch’esso progettato da Riccardo Morandi e realizzato tra il 1975 e il 1984. Lungo 956 metri e alto 168, è composto da una serie di pilastri in calcestruzzo e campate traverse in acciaio.

Viadotto Ansa del Tevere, Roma

Anche il ponte sospeso di tipo strallato - l'unico a carreggiata curva della città di Roma - è una delle opere di Morandi. Situato nel quartiere della Magliana, è lungo 145 metri con una carreggiata larga 24 metri, e percorre l'autostrada A91 Roma-Fiumicino. Il ponte è realizzato in cemento armato, con l’impalcato in calcestruzzo precompresso. La sua costruzione è stata completata tra il 1965 e il 1967.

I ponti di Morandi nel mondo

Diversi ponti progettati da Morandi si trovano anche all’estero, alcuni ancora percorribili, altri invece chiusi. Ecco una breve rassegna.

Paul Sauer Bridge, Città del Capo – Sudafrica

Lo Storms River Bridge è un ponte ad arco alto 120 metri. Fu costruito tra il 1953 e il 1956, ed è considerato il gemello del viadotto Bisantis che si trova a Catanzaro, in quanto ricalca - in dimensioni ridotte - le forme del fratello maggiore italiano.

Ponte General Rafael Urdaneta, Maracaibo – Venezuela

La storia di questo ponte che attraversa il lago Maracaibo, è tristemente nota per i fatti accaduti nel 1964 quando, una petroliera della Esso urtò contro i suoi piloni, causando il crollo di una parte della struttura. Il General Rafael Urdaneta viene considerato il gemello del Ponte Morandi di Genova. Anche questo fu realizzato in calcestruzzo armato precompresso, tra il 1958 e il 1962, e servì a collegare più velocemente la città al resto del Venezuela. Questo ponte strallato si estende per 8.678 metri da una costa all'altra ed è adibito al solo traffico veicolare.

Wadi al-Kuf, Beida – Libia

La sua costruzione è stata completata tra il 1967 e il 1971 e tutte le parti strutturali che lo compongono sono in calcestruzzo armato precompresso. Il ponte Wadi al-Kuf è formato da due antenne a forma di "A" che si ergono a 57,3 metri dal manto stradale. Tra il 1996 e il 2000 è stato sottoposto a lavori di ristrutturazione, in seguito ad alcuni smottamenti del terreno.

Ponte Pumarejo, Barranquilla – Colombia

Questo ponte strallato venne ufficialmente intitolato al presidente della Colombia Laureano Gómez Castro, e fu realizzato in calcestruzzo armato precompresso tra il 1970 e il 1974. Attraversa il fiume Magdalena, è lungo 1.536 metri, largo 12,5 metri e alto 16 metri. Sarà sostituito da un nuovo ponte (la cui ultima fase di costruzione è prevista per dicembre 2019) per poi essere demolito.

Di seguito l’elenco completo, in ordine di realizzazione, delle opere di Riccardo Morandi:

  • 1945 – Ponte San Giorgio sul fiume Liri, Frosinone
  • 1949 – Ponte di San Niccolò, Firenze
  • 1949 – Ponte a travata sull’Elsa, Canneto
  • 1949/50 – Ponte detto del “Grillo” sul Tevere, Roma
  • 1952 – Ponte di Giunture sul Liri, Sant’Apollinare, Frosinone
  • 1952 – Ponte sull’Arno tra Empoli e Spicchio di Vinci (inaugurato nel 1954)
  • 1952/54 – Vagli di Sotto in Alta Garfagnana, Lucca
  • 1953 – Ponte sul Liri a Sora, Frosinone
  • 1954 – Ponte “Gornalunga”, Enna
  • 1954 – Ponte sul Cerami, Galliano Castelferrato, Enna
  • 1955 – Ponte San Nicola, Benevento
  • 1954/56 – Ponte Amerigo Vespucci sul fiume Arno, Firenze
  • 1957 – Ponte sul canale navigabile di Fiumicino sulla strada Ostia-Fiumicino, Roma
  • 1957 – Ponte sul Sambro per l’Autostrada Firenze-Bologna
  • 1957 – Viadotto sul Setta presso “La Quercia”, Bologna, per l’Autostrada Firenze-Bologna
  • 1958/60 – Cavalcavia della via Olimpica su Corso di Francia, Roma
  • 1958/61 – Viadotto sul Fiumarella, Catanzaro
  • 1960/62 – Ponte “Giuseppe Capograssi”, Sulmona, L’Aquila,
  • 1960/64 – Viadotto sul torrente Polcevera
  • 1962/64 – Ponte sul Lago di Paola, Sabaudia, Latina
  • 1963/67 – Viadotto sull’ansa del Tevere, Roma,
  • 1965/66 – Viadotto sul Favazzina presso Scilla, Reggio Calabria
  • 1966/68 – Viadotto Scirò per l’Autostrada Salerno-Reggio Calabria
  • 1967 – Viadotto sul Lontrano dell’Autostrada Salerno-Reggio Calabria
  • 1968 – Ponte sul Salso a Licata, Agrigento
  • 1970 – Viadotto Akragas, Agrigento
  • 1970/72 – Viadotto sulla Costa Viola presso Scilla sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria
  • 1971 – Ponte a Taranto sul Mar Piccolo
  • 1971/74 – Viadotto Carpineto per la superstrada Basentana presso Vietri, Potenza
  • 1973/76 – Viadotto San Francesco per la strada Garganica, Foggia
  • 1973/77 – Ponte Costanzo sull’Irminio presso Ragusa per la Strada statale 115 Sud Occidentale Sicula (con A. Petruzzi)
  • 1979/80 – Ponte sul vallone Cardinale, Siracusa
  • 1984 – Viadotto Stronetta per l’Autostrada dei Trafori, tratto Carpugnino-Feriolo, Stresa
  • 1986/88 – Viadotto Rotaro nei pressi di Lauria, Potenza