Qual è l’aeroporto più grande del mondo? Ecco la classifica

Gli scali internazionali ordinati per dimensioni e volume di traffico

Una città nella città: è questa la sensazione che si prova nell’aeroporto più grande del mondo. Al suo interno centri commerciali, negozi di noti brand, duty free, luoghi dedicati a ristorazione e intrattenimento; insomma, tutto quello che fa di un aeroporto un luogo di intrattenimento nei momenti di scalo.

Negli ultimi 90 anni il trasporto aereo ha subito notevoli cambiamenti. Gli aeroporti rivestono sempre più il ruolo di infrastruttura strategica che attrae investimenti importanti per la costruzione e restituisce al paese grandi opportunità in termini di attrazione di turismo e business. Tutto, ormai, si gioca sull’implementazione di tecnologie d’avanguardia e servizi di altissimo livello che trasformano un semplice scalo in un vero e proprio aeroporto del futuro.

Sono due gli aeroporti che attualmente si contendono il primato, per dimensioni e per volumi di traffico, e noi li abbiamo inseriti nella nostra top 10: si tratta di Pechino e Istanbul.

I cinesi, con il nuovissimo Daxing, mirano alla vetta della classifica dell’aeroporto più grande del mondo, contando su una struttura di 700.000 metri quadrati, realizzata su un progetto dell’architetto Zaha Hadid che ha riproposto in questo scalo, oltre ai classici elementi presenti in un grande aeroporto, anche giardini di lusso, spazi aperti e persino una cascata.
La Turchia insidia il primato con il nuovo Istanbul Airport, costato oltre 12 miliardi di dollari. L’aeroporto, realizzato su una superficie di 100.000 metri quadrati, ha come fiore all’occhiello la sua torre di controllo, in vetro e ferro e a forma di tulipano, che è stata progettata dallo studio italiano Pininfarina.

Gli aeroporti più grandi del mondo: la top 10

Sul gradino più alto del podio troviamo il Daxing di Pechino, la cui inaugurazione è prevista per il prossimo 30 settembre, in occasione del 70° anniversario della fondazione della Repubblica Popolare Cinese. Grande aspettativa per quello che diventerà l’aeroporto più grande del mondo: sembra infatti che questo nuovissimo terminal sarà in grado di gestire ben 100 milioni di passeggeri. Poco più di un milione di metri quadrati, 5 anni di lavoro e 13 miliardi di dollari sono stati investiti per la sua realizzazione. Cifre da capogiro, dunque, che giustificano questo primato e ne faranno lo scalo aeroportuale del futuro.

Il secondo posto nella classifica degli aeroporti più grandi del mondo se lo aggiudica l’Istanbul New Airport (in turco, Yeni Havalimani). Il costo del progetto ammonta a 12 miliardi di dollari, un’opera infrastrutturale con 112 gate, un parcheggio da 25.000 posti e ben 100.000 metri quadrati di area residenziale. I lavori dovrebbero essere completati entro il 2028 con l’aggiunta di 6 piste di atterraggio, ma è ufficialmente operativo già dall’ottobre del 2018.

Terzo posto per l’Aeroporto internazionale Hartsfield-Jackson di Atlanta negli Stati Uniti. Questo scalo è in grado di gestire più di 100 milioni di passeggeri l’anno. Un numero davvero importante giustificato dalla grande quantità di voli nazionali per raggiungere il sud-est degli Stati Uniti. Tanti anche i gate presenti: più di 200 grazie ai lavori di espansione effettuati nel 2012. Dati alla mano, per volumi di traffico gestiti questo aeroporto si trovava al comando di questa classifica prima dell’avvento del Daxing e dell’Istanbul New Airport.

L’Aeroporto Internazionale di Pechino-Capitale per ora si aggiudica il quarto posto con ben 100 milioni di passeggeri l’anno e 120 destinazioni diverse. Si tratta del più importante scalo presente in Asia che sarà scalzato però dal Daxing di prossima apertura.

Numeri da record anche per l’Aeroporto Internazionale di Dubai che si posiziona quinto nella classifica degli aeroporti più grandi del mondo. Si tratta dello scalo con le dimensioni più ragguardevoli del Medio Oriente: 3000 ettari di terreno. Ma anche le altre cifre non scherzano: 90 milioni di passeggeri che circolano ogni anno per ben 6.000 voli alla settimana, verso più di 200 destinazioni in tutti i continenti.

Il sesto posto parla giapponese con l’Aeroporto Internazionale Haneda di Tokyo, in cui le tratte nazionali la fanno da padrone, aggiudicandosi oltre l’80% dei voli. La sua realizzazione risale al 1931 e nel corso degli anni è passato dall’essere un crocevia internazionale, fino a imporsi come aeroporto destinato al traffico domestico. Ma dal 2010, con l’aggiunta del terzo terminal, si è ripreso il ruolo di importante scalo internazionale per numero di passeggeri e merci.

Ancora gli Stati Uniti in classifica con l’Aeroporto Internazionale di Los Angeles, che si posiziona settimo tra gli aeroporti più grandi del mondo. 84 milioni di passeggeri gestiti l’anno e un’area occupata di circa 14 chilometri quadrati.

L’ottavo posto parla ancora inglese con l’Aeroporto Internazionale O’Hare di Chicago. 80 milioni di passeggeri in transito ogni anno rendono questo aeroporto degli Stati Uniti uno dei più grandi al mondo.

Anche Londra dice la propria, piazzando al penultimo posto della nostra top 10 uno dei suoi 5 aeroporti. Parliamo del London Heathrow. 12 i chilometri quadrati occupati da questo scalo - diventato presto l’hub principale per la compagnia di bandiera britannica British Airways - che vede transitare ogni anno ben 78 milioni di passeggeri.

Chiude la classifica l’Aeroporto Internazionale di Hong Kong - Chek Lap kok - che accoglie ogni anno più di 70 milioni di passeggeri diretti verso 220 destinazioni. Si tratta dell’aeroporto principale della città stato di Hong Kong e prende il nome dall’isola artificiale su cui è stato costruito.