Metro automatiz-
zate

NEL 2025 LE LINEE METROPOLITANE AUTOMATIZZATE COPRIRANNO 1.800 CHILOMETRI

Dubai

Una volta “il treno senza pilota” era la metafora di una situazione fuori controllo. Ma la tecnologia può liberarci dai vecchi incubi. Le metropolitane automatiche di nuova generazione, quelle senza conducente, si stanno infatti diffondendo in tutto il Pianeta. I progetti delle linee in corso di realizzazione e di quelle ancora disegnate sulla carta si dividono in modo equo tra il sottosuolo e la sospensione aerea delle strutture sopraelevate. E non di rado, l’una e l’altra soluzione vengono combinate, per raggiungere il mix.

Un esempio è la soluzione adottata a Sydney, dove il Gruppo Salini Impregilo sta realizzando un tratto della Sydney Metro Northwest, tra Bella Vista e Rouse Hill. Il piano dei lavori prevede la costruzione di otto fermate della metropolitana lungo un tracciato di 23 chilometri, assistite dalla predisposizione di 4mila posti auto. Il tratto sopraelevato chiamato Skytrain è una parte della sezione realizzata da Salini Impregilo e correrà ad un’altezza compresa tra i cinque e i tredici metri sopra il livello del suolo per una lunghezza complessiva di 4,6 chilometri, sostenuta da 120 pilastri con campata standard di 39 metri. Sarà pronto a inizio 2017 (37 mesi dall’avvio dei lavori nel gennaio 2014).

L’evoluzione driverless

Le metropolitane di nuova generazione rappresentano ormai un futuro già “presente” in molte realtà, studiate a livello internazionale per condividere le best practice. UITP (International Association of Public Transport) è un organismo internazionale che riunisce autorità e operatori del trasporto pubblico di 92 nazioni, Italia inclusa. L’Osservatorio è la sua struttura permanente, nata con il compito di esplorare e condividere le conoscenze più rilevanti sulle linee che implementano tecnologie di automazione per la guida delle metropolitane (metro automation). A questo soggetto è spettato il compito di stabilire una classificazione delle diverse forme di autogoverno nella guida dei treni: la gestione delle interazioni tra i treni e i frequentatori della metropolitana appare come un criterio discriminante molto rilevante anche per la classificazione del grado di automazione (GoA) che si assegna alle operazioni eseguite dalle linee in cui viaggiano treni senza pilota.

 

Miami
 

Alle linee tradizionali, che non vantano nessun tipo di automazione – come accade sui percorsi rosso, verde e giallo della rete metropolitana di Milano – è attribuito il livello più basso, il cosiddetto GoA 1. Qui è un essere umano a pilotare il treno durante la marcia, a fermarlo, a comandare la chiusura delle porte. Il GoA 2 comincia ad introdurre alcuni elementi essenziali di automazione: sebbene continui a sopravvivere una cabina di comando, che ospita un conducente in carne e ossa, la guida durante il movimento e le operazioni di fermata nelle stazioni, sono effettuate dal sistema cibernetico. Alla responsabilità umana è affidato l’incarico di sovrintendere alle azioni di apertura e chiusura delle porte. Il GoA 3 affronta l’interazione con i passeggeri con maggiore slancio di coraggio: il conducente non è più presente in cabina di regia, ma il treno continua a essere accompagnato da un attendant umano, cui spetta sempre il compito di sorvegliare il movimento delle porte e di intervenire in caso di incidente. Il livello più alto, il GoA 4, rappresenta l’apoteosi della robotica applicata alle metropolitane. Viene bandita ogni forma di presenza e di intervento umani, con l’assegnazione dell’intera vita del treno ai dispositivi tecnologici. In Italia è possibile ammirare questa esibizione muscolare di intelligenza artificiale a Milano sulla linea 5, a Roma sulla linea C, sul metrò di Brescia e sulla linea M1 di Torino. Ma ormai gli esempi sono sempre più numerosi, il che fa del driverless metro, il metrò senza guidatore, il vero simbolo di una mobilità metropolitana sostenibile.

Una tecnologia sempre più diffusa

Nel mondo vengono censiti 77 metrò automatizzati, 21 dei quali prestano servizio in Europa. A livello globale sono gli Stati Uniti a detenere il record, con 15 linee totalmente automatizzate, mentre in Europa il primato tocca alla Francia, con 9 linee attive. Secondo l’ultimo censimento complessivo stilato nel 2013 nel mondo sono operativi 674 km di metro driverless: sono al servizio dei passeggeri di 32 città, con una rete di 700 fermate.
Dall’uscita del report si sono però aggiunte già altre quattro linee, in obbedienza ad uno schema di crescita che secondo l’UITP porterà quasi a triplicare nei prossimi dieci anni i chilometri di servizio oggi disponibili.

 

Londra
 

La previsione è che il totale nel 2025 ammonterà a 1.800 km. L’Europa detiene la leadership sia dell’estensione del servizio oggi disponibile, sia delle prospettive di incremento futuro. Nonostante questo primato, le tre reti automatizzate più ampie in funzione ai nostri giorni non si trovano nel Vecchio Continente: sono infatti quelle di Dubai, di Vancouver e di Singapore.
Sia in Europa, sia in Asia, Salini Impregilo si propone come leader nella realizzazione di nuove linee GoA 4. La linea 4 di Milano è sicuramente l’esempio più vicino: con un percorso di 14,2 km collegherà l’aeroporto di Linate con la stazione FS di San Cristoforo. Le fermate saranno 21, con una previsione di 24mila passeggeri per direzione all’ora. Ma se l’azienda è italiana, i suoi interventi sono internazionali. Dentro i confini della Ue i progetti in corso coinvolgono anche Copenhagen e Salonicco.

Nella capitale danese è in corso di realizzazione il Cityringen, l’anello che corre per 17,4 km attorno al centro della città, con 17 stazioni a 30 metri di profondità, e un servizio attivo 24 ore su 24. A Salonicco si prevede invece lo sviluppo di un tracciato con una sola linea, lunga 9,6 km: i treni passeranno con una frequenza di 90 secondi negli orari di punta, con l’obiettivo di trasportare 18 mila passeggeri all’ora.
Il progetto più ambizioso non si sviluppa però in Europa, ma in Arabia Saudita. La capitale, Riyadh, conta 6 milioni di abitanti ed è una delle città più congestionate dal traffico del mondo: per alleviare questa difficoltà, l’amministrazione cittadina ha avviato un piano titanico di lavori, che in pochi anni dovrà dotare l’area urbana di un’intera rete metropolitana con sei linee e un percorso rotabile di 150 km. Salini Impregilo è stata coinvolta nella realizzazione della Linea 3, la più lunga di tutte, con un’estensione di 41,58 km e 22 stazioni, da realizzare in quattro anni.

Il futuro nella robotica

Rispetto alle sperimentazioni pionieristiche di trent’anni fa, gli standard si sono evoluti un po’ ovunque. I treni che hanno mosso i primi passi nell’era dell’automazione trasportavano meno di 300 passeggeri; oggi invece possono arrivare anche a 700. Le ragioni che hanno incentivato questa crescita di ricerca e di investimenti sono connesse alla riduzione progressiva dei costi di implementazione e alla crescita della qualità del servizio. La costruzione di metrò automatici ha ridotto in modo significativo gli incidenti sui percorsi del trasporto pubblico, e ha agevolato la loro flessibilità operativa. A portarci fuori dal tunnel, insomma, oggi c’è la robotica.

NEL MONDO SONO OPERATIVI 674 KM DI METRO AUTOMATIZZATE

METRO DRIVERLESS OGGI SONO AL SERVIZIO DEI PASSEGGERI DI 32 CITTÀ, CON UNA RETE DI 700 FERMATE

92 NAZIONI HANNO RIUNITO AUTORITÀ E OPERATORI DI TRASPORTO SOTTO L'UITP (INTERNATIONAL ASSOCIATION OF PUBLIC TRANSPORT) PER CONDIVIDERE LE CONOSCENZE SU TECNOLOGIE DI METRO AUTOMATION

SIA IN EUROPA CHE IN ASIA, SALINI IMPREGILO CONTRIBUISCE ALLA REALIZZAZIONE DI METRO AUTOMATIZZATE

SALONICCO, COPENHAGEN, RIYADH E MILANO SONO ALCUNE DELLE CITTÀ DOVE SALINI IMPREGILO STA COSTRUENDO QUESTE LINEE