New York City: 51 miliardi per la mobilità sosteni-
bile

Il piano della Metropolitan Transportation Authority per modernizzare la metro della Grande Mela

Investimenti nella mobilità sostenibile per New York

Mentre Manhattan brulica di cantieri aperti per la costruzione di nuovi grattacieli, il sottosuolo della Grande Mela si prepara ad una delle più importanti opere di rinnovamento infrastrutturale nella storia di New York City. Il progetto, chiamato “Rebuilding New York’s Transportation System”, punta soprattutto allo sviluppo della mobilità sostenibile a New York attraverso una dotazione finanziaria da record: 51,5 miliardi di dollari da investire tra il 2020 e il 2024, 40 dei quali saranno destinati alla metropolitana e alle reti di trasporto in superficie.

È questo l’ambizioso progetto lanciato nelle scorse settimane dalla Metropolitan Transportation Authority (MTA), l’Authority statale incaricata di gestire e sviluppare le reti di trasporto nella città e nella regione circostante, nel cui board siedono tra gli altri il governatore dello Stato, Andrew Cuomo, e il sindaco di New York City, Bill de Blasio.
Il “2020-2024 Capital Program” supera del 70% la dotazione del piano di investimenti 2015-2019, e conferma la volontà delle istituzioni cittadine e statali di sostenere il momento di enorme sviluppo che sta vivendo la Grande Mela, e di rispondere all’SDG 11, uno dei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite che prevede la costruzione di città inclusive, sicure e sostenibili.

Una città che vive intorno alla sua rete di trasporti

Sviluppare e modernizzare la rete di trasporto di NYC significa sostenere uno dei pilastri dello sviluppo e della vita cittadina. Secondo i dati della Metropolitan Transportation Authority, ogni anno in media 2 miliardi di persone utilizzano il network di trasporti della Grande Mela (il dato più elevato tra tutte le città del Nord America). Questo avviene soprattutto grazie alla capillarità della rete: il 97% dei newyorkesi vive infatti a poco più di 300 metri da una fermata di autobus e il 71% a poco più di 700 metri da una fermata di metropolitana.

Una rete capillare che tuttavia ha bisogno di interventi, tanto per modernizzare le linee più vecchie, quanto per realizzarne di nuove laddove serve. Un impegno in termini di sviluppo infrastrutturale che ha un impatto diretto non solo sulla qualità dei trasporti, ma anche sull’offerta di lavoro e l’economia cittadina. Ancora la MTA sottolinea che per ogni miliardo di dollari investiti nella rete di trasporto dello stato, vengono creati 7.300 posti di lavoro. Questo significa che, a fronte dei 51 miliardi che saranno spesi nei prossimi cinque anni, l’impatto in termini di occupazione sarà pari a 350mila posti di lavoro.
Da qui la stima finale della Metropolitan Transportation Authority, secondo la quale il programma quinquennale di investimenti contribuirà a generare una ricchezza nello stato di New York pari a 75 miliardi di dollari.

 
MTA, metropolitana di New York
 

Mobilità sostenibile a New York: gli interventi per modernizzare la rete metropolitana

Anche per New York City la mobilità sostenibile, e in particolare la sua rete metropolitana, è uno degli asset chiave per ridurre l’inquinamento, contrarre i tempi di trasporto, abbattere il congestionamento e i suoi costi. Secondo la MTA, ogni anno il traffico nella regione rappresenta un costo per la collettività che supera i 20 miliardi di dollari. Solo considerando l’impatto sul trasporto di superficie, il grande traffico in città obbliga i bus pubblici a circolare ad una velocità minima, calcolata in 7,4 mph (11,9 km/h). Anche le condizioni arretrate di molte delle linee metropolitane hanno un peso sulla collettività. Il costo annuale dovuto al tempo perso in ufficio per i ritardi della metro è pari a 307 milioni di dollari.

Da qui la decisione di investire ancor più di quanto fatto negli anni scorsi per modernizzare la rete metropolitana cittadina. E infatti una parte consistente degli investimenti sarà destinata a rimettere in sesto, laddove serve, la metro della città. Il programma di interventi prevede infatti la revisione di 418 miglia di binari (672 chilometri), l’acquisto e la messa in opera di nuovi convogli, oltre alla realizzazione di un nuovo sistema di gestione informatica del movimento dei treni.

Infrastrutture moderne per una città che cambia

New York City è al centro di un profondo cambiamento, un cambiamento che si percepisce ad occhio nudo dalla mole di opere infrastrutturali avviate negli ultimi mesi, e che avrà nei prossimi anni effetti considerevoli sulle caratteristiche di questa città.
Le stime della MTA indicano che entro il 2040, il numero di abitanti che utilizzerà servizi di trasporto pubblico sarà pari a 16,7 milioni di persone, e che ci saranno 557mila persone in più ogni giorno che si muoveranno tra un borough e un altro. Un dato che conferma anche il trend degli ultimi 25 anni, nel corso dei quali il numero di utenti di metro e bus è aumentato del 39%.

Come per molte altre megacity nel mondo, la mobilità sostenibile conferma il suo valore strategico, e il suo ulteriore sviluppo diventa un elemento chiave per la New York City del futuro.

IL PROGETTO “REBUILDING NEW YORK’S TRANSPORTATION SYSTEM” PREVEDE UN FINANZIAMENTO DI 51,5 MILIARDI DI DOLLARI

TRA IL 2020 E IL 2024 GLI INTERVENTI PRINCIPALI SARANNO INDIRIZZATI ALLA MODERNIZZAZIONE DELLA METROPOLITANA

IL PIANO DI INVESTIMENTI CREERÀ NEI PROSSIMI CINQUE ANNI OLTRE 350MILA POSTI DI LAVORO

OGNI ANNO IN MEDIA 2 MILIARDI DI PERSONE UTILIZZANO IL NETWORK DI TRASPORTI DELLA GRANDE MELA

SECONDO LA MTA, OGNI ANNO IL TRAFFICO RAPPRESENTA UN COSTO PER LA COLLETTIVITÀ CHE SUPERA I 20 MILIARDI DI DOLLARI